Salta al contenuto

PRIMAVERA

Academy Corner – SAMPDORIA

L’ultima volta che Cesc Fabregas ha dato all’Academy Corner un aggiornamento sulla sua squadra Primavera, si è rifiutato di farsi prendere la mano nonostante la vittoria dei suoi ragazzi all’Inter di Milano, in vista della nuova stagione.

La campagna acquisti è iniziata e, nonostante Cesc abbia visto la sua squadra esordire con una sconfitta contro la Cremonese, ha colto gli aspetti positivi e ha guardato avanti.

Ha detto: “Era la prima partita della stagione e abbiamo perso per 4-2. È stata una partita intensa. Loro sono arrivati con giocatori che avevano giocato nella loro prima squadra. Erano più grandi di noi, del 2004, ma i ragazzi hanno gareggiato molto bene”.

Yassin Sabili, il nostro attaccante marocchino, ha segnato un gol in ciascun tempo, il primo dopo essere stato in svantaggio per 2-0 e il secondo alla fine del primo tempo, quando abbiamo rifiutato di arrenderci.

Cesc ha aggiunto: “La cosa che mi è piaciuta di più è stata la reazione dopo il gol della Cremonese. Siamo rientrati in partita e alla fine abbiamo avuto le occasioni per pareggiare. Lo spirito era buono.

“Dobbiamo ancora migliorare molto. Ci sono molte cose da migliorare, ma l’atteggiamento dei ragazzi è stato ottimo.

“Abbiamo sofferto sulle palle lunghe perché loro erano molto più fisici di noi. A questa età, quando i giocatori hanno uno o due anni in più, fa una grande differenza dal punto di vista fisico.

“Ma nel complesso, per la progressione della squadra, è stata una sfida discreta e sono sicuro che miglioreremo”.

L’allenatore Marc Bircham è responsabile dello sviluppo dei giocatori al Sinigaglia e, pur essendo deluso dal risultato, come Cesc, non ha tardato a guardare il lato positivo.

Ha detto: “La Cremonese aveva alcuni buoni giocatori, era una squadra più dinamica. Loro erano un po’ più veloci e più forti, ma è stata un’altra bella lezione, utile per lo sviluppo della nostra squadra.

“Abbiamo subito un gol commettendo un errore giocando da dietro. Ma è quello che vogliamo fare, quindi hanno imparato da questo. Speriamo che la prossima volta siano più bravi e che possano correggere il tiro prima di allora”.